Danimarca

Ricerca e innovazione in Danimarca

Al primo posto per livello di trasparenza e assenza di corruzione, al primo posto europeo nell’Indice Doing Business e al terzo posto dei Paesi più felici al mondo, la Danimarca continua a mantenere il suo ruolo di paese leader anche nella ricerca e nell’istruzione grazie anche ai robusti finanziamenti in ricerca e sviluppo (2.9% di spesa in R&D rispetto al PIL nel 2016, quarta in Europa, con media OECD pari a 2.3%). Il ruolo dei privati in Danimarca è di grande importanza: basti pensare che, nel 2016, il 57,9% del GERD è stato finanziato da imprese.

Tra le principali istituzioni di ricerca, la Danimarca vanta numerose università tra cui Aalborg, Aarhus, e Copenaghen, vari centri nazionali e il MADE – Manufacturing Academy of Denmark. Particolare attenzione merita la celebre DTU – Technical University of Denmark, fondata nel 1829. Nell’ambito della ricerca “Life Sciences” la Danimarca è il primo Paese in Europa e secondo al mondo per lo sviluppo del settore “Pharma and biotech industry”, grazie a una forte industria che impiega più di 40.000 persone in questo campo. Esiste un’area nella periferia di Copenaghen denominata “Medicon Valley” che si basa su una stretta collaborazione tra industria, mondo accademico e settore pubblico. Offre eccellenti opportunità di ricerca e sviluppo, con 4 università di Scienze della vita (con oltre 50.000 studenti, di cui 2.000 dottorati di ricerca ogni anno), 22 ospedali (di cui 11 universitari), più di 150 aziende biotech e 200 aziende di tecnologie mediche; notevole la presenza di ricercatori, clinici e accademici di spicco.

E’ interessante ricordare come uno degli ambiti di ricerca prioritari per il Regno della Danimarca riguardi l’Artico e le conseguenze del cambiamento climatico in tale area del pianeta. Si tratta soprattutto di centri di ricerca groenlandesi, tra cui il Greenland Institute of Natural Resources e l’Arctic Technology Centre, a cui si aggiungono però anche istituzioni danesi e faroesi.

In Danimarca vivono e lavorano centinaia di ricercatori italiani tra dottorandi, assegnisti, docenti universitari, che contribuiscono in maniera decisiva allo sviluppo e alla crescita scientifica della società danese e al miglioramento dei rapporti tra i due Paesi. Si tratta di professionisti altamente qualificati grazie ai quali, sempre più spesso, l’Italia viene associata all’eccellenza scientifica e tecnologica, oltre ai tradizionali settori tipici del Made in Italy.

Tra le istituzioni governative volte a promuovere la ricerca italiana in Danimarca, vi sono l’Ambasciata Italiana e altri importanti attori quali Uffici ICE, ENIT, la Camera di Commercio italo-danese e l’Istituto italiano di Cultura a Copenaghen che operano tutti nel quadro generale di riferimento promosso dal MAECI. Anche alcuni enti danesi sono impegnati nella valorizzazione di progetti bilaterali, come la Banca Centrale Danese e la Danish Agency for Science, Technology and Innovation.

Indici d'innovazione e produzione scientifica - Danimarca

Global Innovation Index 2017 | Scimago Country Ranking 1996-2016

INDICE RANK
Global innovation index (GII) 6
Scimago country ranking (Scopus) 24
Gross expenditure in R&D (GII) 6
Average score top 3 Universities @ QS World Universities ranking (GII) 15
Citable documents H index (GII) 15
Number of scientific and technical journal articles (per billion PPP$ GDP) 2