Italia e India: riparte la cooperazione scientifica e tecnologica

20/10/2016 - Admin

commissione_mista_italia_india_700_02Il 19 novembre 2016 alla Farnesina si è riunita la Commissione Mista italo-indiana istituita nell’ambito dell’Accordo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica tra Italia e India firmato a New Delhi il 28 novembre 2003. La delegazione indiana è stata guidata da Ashutosh Sharma, Segretario del Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Governo indiano, quella italiana dal Direttore Generale per promozione del Sistema Paese (DGSP) del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) Vincenzo De Luca.

La Commissione Mista ha approvato una serie di iniziative per l’immediato rilancio dei rapporti nel settore scienza, tecnologia e innovazione: nei prossimi giorni verrà pubblicato il bando per la raccolta di progetti scientifici bilaterali di grande rilevanza e di mobilità dei ricercatori che saranno congiuntamente selezionati e cofinanziati nel quadro del Programma esecutivo di cooperazione scientifica e tecnologica 2017-2019 Italia – India. La Commissione ha espresso apprezzamento per la collaborazione dei ricercatori italiani ed indiani nel programma India-Trento Programme for Advanced Research (ITPAR) e presso il Sincrotrone di Trieste, nella realizzazione delle due nuove linee di luce di sincrotrone dell’acceleratore ELETTRA ‘XRD2’ and ‘XPRESS’, che saranno inaugurate il 20 ottobre.

Che Italia e India rilancino la cooperazione bilaterale ripartendo dai temi della ricerca scientifica e dell’innovazione è conferma dell’importanza della diplomazia scientifica, che contribuisce a favorire il dialogo e a promuovere scambi e investimenti, come nel recente caso del finanziamento indiano di 6 milioni di euro per due linee sperimentali al Sincrotrone di Trieste”, ha commentato il Direttore Generale De Luca.

Tecnologie dell’informazione e della comunicazione, energia, ambiente e agricoltura sostenibile, salute, biotecnologie e medicina, nanotecnologie e materiali avanzati, fisica e astrofisica, e tecnologie applicate al patrimonio culturale e naturale, le tematiche concordate dalle due parti su cui sarà possibile presentare progetti. A seguire, è stato discusso un nuovo programma di cooperazione scientifica e tecnologica nelle scienze applicate, che miri a sviluppare tecnologie e processi trasferibili all’industria; si è deciso l’istituzione di un workshop scientifico congiunto annuale da tenersi alternativamente in Italia e in India, a partire dal 2017; si è concordato di promuovere la nascita di un Innovation Forum Italia-India, che colleghi il mondo della ricerca a quello delle imprese e degli investitori.



Fonte: DGSP MAECI

Paese: Italia, India

SSD: 00 - Diplomazia scientifica