Conferenza degli Addetti Scientifici 2019, “Tecnologie del Mare e l’Innovazione che parla italiano”

28/06/2019 - Admin

Tutela dell’ambiente, sviluppo sostenibile e innovazione tecnologica  al centro della Conferenza “Tecnologie del Mare e l’Innovazione che parla italiano”, che ha visto riuniti alla Farnesina  il 27 e 28 giugno  gli Addetti Scientifici italiani all’estero, i rappresentanti delle università, delle imprese e degli enti di ricerca, alla presenza del Ministro degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, e del Ministro dell’Università, Istruzione e Ricerca, Marco Bussetti.

Il Ministro Moavero Milanesi – nel suo discorso – ha ricordato la natura internazionale e condivisa della scienza: “Louis Pasteur diceva che la scienza non ha patria perché è patrimonio dell’umanità; ecco perché siamo qui. La scienza non ha frontiere, non ha patria,  è un bene comune prezioso. E’ necessario sostenerla per mantenere una prospettiva di sviluppo sostenibile”.

Il Ministro Bussetti ha ricordato la grande attenzione che il suo Dicastero sta riservando alle scienze del mare e al settore marittimo. Ha quindi annunciato l’acquisizione da parte dell’Italia della prima nave oceanografica rompighiaccio, che darà supporto all’impegno scientifico italiano in Artide e Antartide.  “Si chiamerà Laura Bassi,  come la prima donna al mondo a ottenere una cattedra universitaria”.

A seguire si è svolta la cerimonia per il conferimento dei due “Premi Farnesina”: l’“Italian Bilateral Scientific Cooperation Award” – destinato ad un ricercatore italiano all’estero che si è particolarmente distinto nella sua attività scientifica e ha contribuito tramite la sua attività a sviluppare i legami tra il Paese dove risiede e il nostro Paese – e “L’innovazione che parla italiano”, destinato al fondatore di una start up di successo operante all’estero.

A ricevere il premio per la ricerca è stato il pediatra, gastroenterologo e ricercatore italiano Alessio Fasano, tra i massimi esperti mondiali di celiachia e nutrizione. Laureato e specializzato a Napoli, è oggi a capo del reparto di Gastroenterologia pediatrica e Nutrizione al Massachusetts General Hospital di Boston della Harvard Medical School, dov’è anche professore di Pediatria.

Il premio per la startup di successo all’estero è andato invece e Luca Verre, originario della provincia di Catanzaro, con doppia laurea in Fisica ed Ingegneria elettronica e Master in Business administration presso l’Institut européen d’administration des affaires (INSEAD) a Fontainebleau.  Verre è fondatore di Prophesee una start up che ha sede a Grenoble (Francia) e che ha brevettato il più avanzato sistema di visione neuromorfica al mondo.  Tale tecnologia trova applicazione nei settori dell’industria 4.0, intelligenza artificiale, internet delle cose.

Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi con il ministro dell’Istruzione Marco Busetti durante la conferenza dal titolo “Tecnologie del mare e l’innovazione che parla italiano” presso la Farnesina, Roma, 27 giugno 2019. ANSA/ANGELO CARCONI
Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi con il ministro dell’Istruzione Marco Busetti durante la conferenza dal titolo “Tecnologie del mare e l’innovazione che parla italiano” presso la Farnesina, Roma, 27 giugno 2019. ANSA/ANGELO CARCONI
Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi e il ministro dell’Istruzione Marco Busetti premiano Alessio Fasano durante la conferenza dal titolo “Tecnologie del mare e l’innovazione che parla italiano” presso la Farnesina, Roma, 27 giugno 2019. ANSA/ANGELO CARCONI
Il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi e il ministro dell’Istruzione Marco Busetti premiano Luca Verre durante la conferenza dal titolo “Tecnologie del mare e l’innovazione che parla italiano” presso la Farnesina, Roma, 27 giugno 2019. ANSA/ANGELO CARCONI



Paese: Tutti i paesi

SSD: 00 - Diplomazia scientifica